Mission

document2

L’Accademia Italiana di Studi Numismatici è stata fondata a Roma nel 1996 con il nome di Accademia di Studi Numismatici, poi mutato nel 2001 nella forma attuale. Ne fanno parte e ne hanno fatto parte, negli anni, studiosi italiani e stranieri che hanno contribuito in modo significativo allo sviluppo della ricerca sulla monetazione metallica, cartacea, sulla medaglia d’arte e sulle discipline affini in Italia e all’estero.

L’Accademia promuove studi, pubblicazioni e premi, organizza giornate di studio ed esposizioni, partecipa ad eventi in ambito italiano ed internazionale. L’Accademia, inoltre, favorisce la virtuosa cooperazione e il dialogo tra le istituzioni pubbliche, il mondo accademico, del collezionismo e del commercio ai fini dello sviluppo della cultura numismatica.


man woman

Tra i soci dell’Accademia figurano personalità del mondo dell’università e della cultura (docenti, direttori di musei e di medaglieri), nonché ricercatori indipendenti e professionisti provenienti da settori diversi (tra i quali il giornalismo, la medicina, le professioni giuridiche) i quali, con le loro ricerche e pubblicazioni, hanno favorito negli ultimi decenni la crescita della scienza numismatica e la divulgazione del sapere su monete, cartamoneta e medaglie, nonché delle altre scienze affini (sfragistica, metrologia, metallurgia) nel nostro Paese. Attuale presidente dell’Accademia Italiana di Studi Numismatici è Roberto Ganganelli. L’Accademia ha attualmente sede a San Giustino (Perugia) e conta circa cinquanta soci.


write2

Il motto latino scelto al momento della fondazione – “Humana per nummos perquiro“, ossia “Attraverso le monete studio le vicende umane” – riflette lo spirito dell’Accademia e dei suoi membri e l’importanza della numismatica e delle scienze ad essa affini o collegate nel più vasto ambito del sapere umano e della storia.